logo per stampa

“GIOCANDO PER IL MEYER” RISULTATI OLTRE LE ASPETTATIVE 7/15

“Giocando per il Meyer”, la giornata di solidarietà e divertimento organizzata ieri da Fapim presso lo stabilimento di Spianate per raccogliere fondi a favore della ricerca della Fondazione Meyer, è stata un successo al di là di ogni più rosea aspettativa.

Dall’inizio della manifestazione fino a tarda serata è stata altissima l’affluenza di pubblico di ogni età arrivato per cimentarsi nei giochi di abilità o con le società sportive di rugby, pallavolo, pallacanestro e tennis del territorio. E proprio il tennis è stato protagonista dalle 19.00, con la finale del Secondo Open Fapim, riservato ai dipendenti, che ha visto imporsi Fabrizio Picchi su Alberto Massariello.

Apprezzatissimi dai più piccoli i pony e i gonfiabili, le golosità e la band di strada che ha allietato le prime ore della festa, rinfrescata da oltre due quintali di cocomero e bibite a volontà nelle ore più calde.

I più grandi – oltre a gustare l’ottima merenda rustica a base di panini con porchetta e salumi, formaggi e frutta fresca – hanno particolarmente apprezzato l’accampamento medievale del gruppo storico di Montecarlo, che ha proposto giochi a tema e gustosissime bruschette, e lo scatenato dj-set finale.

Il momento clou alle 21.30 con l’intervento del presidente della Fondazione Meyer, il professor Gianpaolo Donzelli, e l’estrazione della “Lotteria Giocando per il Meyer” che ha portato un risultato davvero entusiasmante: 2623 i biglietti venduti, il cui importo – sommato alle donazioni spontanee della serata – ha prodotto una donazione di oltre 14.000 euro.

“Ringrazio tutti quelli che hanno partecipato a questa grande iniziativa, facendoci sentire la propria vicinanza in questa gara di solidarietà” – ha detto durante il suo intervento di saluto Massimo Bellandi, presidente Fapim – “certamente un simile risultato è raggiungibile solo grazie all’impegno e all’entusiasmo di molti, ed è pertanto un successo collettivo che Fapim vuole condividere con il suo territorio”.